Cerca

Perché non si può essere compiacenti quando si tratta di sicurezza informatica

Nonostante i continui progressi ed evoluzioni dei virus e malware che i criminali informatici sono stati in grado di sviluppare, troppe aziende non prendono la loro cyber-security sul serio come dovrebbero.

Una ricerca ha dimostrato che la stragrande maggioranza delle aziende europee è stata vittima di una violazione della sicurezza informatica, sia essa tramite un attacco di phishing, il furto di dati o l’installazione di malware e virus.

Nonostante questi dati allarmanti, solo il 42% dei responsabili delle decisioni aziendali di 350 aziende leader in Europa ha considerato gli attacchi informatici una vera minaccia, e questo sentimento dilaga anche negli Stati Uniti.

Questa “leggerezza” è pericolosa, poiché qualsiasi tipo di attacco informatico può davvero danneggiare un’azienda in una moltitudine di modi diversi. Nonostante i passi avanti fatti per salvaguardare la sicurezza delle attività, come per esempio, l’eliminazione da parte delle forze dell’ordine dei famigerati bot Emotet e NetWalker che vedranno il pericoloso software disinstallato a livello globale entro aprile di quest’anno, non si può abbassare la guardia e diventare compiacenti.

Ecco alcuni motivi per cui non si può essere soddisfatti quando si tratta di cyber-security.

La vecchia protezione non è sufficiente

Molte persone ritengono che, avendo installato un software antivirus e un firewall sui propri dispositivi, siano al sicuro da eventuali danni e possano essere compiacenti, ma non è vero. In realtà, questi software possono diventare obsoleti molto rapidamente e possono diventare virtualmente inefficaci man mano che invecchiano. Questo perché quel pezzo di antivirus avrà solo la capacità di rilevare e distruggere virus e malware che erano comuni al momento del rilascio. Tuttavia, gli attacchi informatici sono in continua evoluzione e vengono creati nuovi virus più avanzati, che il l’antivirus non ha i mezzi per fermare. Ecco perché è importante aggiornare continuamente questo software regolarmente.

A causa di quanto sofisticate stanno diventando queste minacce, si consiglia inoltre alle aziende di investire in forme di protezione più solide e moderne in grado di bloccare l’evoluzione degli attacchi grazie a tecnologie che si basano su metodologie innovative, come la Deception (tecnologia ad inganno ) di Deceptive Bytes che previene il malware, senza l’uso di firme o AI / ML e che consente una protezione avanzata con una soluzione molto leggera e facile da gestire sia dalle aziende che dai fornitori di servizi.

Una violazione dei dati può rovinare la tua reputazione

Indipendentemente dal fatto che l’azienda sia rivolta ai clienti finali o sia un’organizzazione B2B, una violazione dei dati può danneggiare drasticamente la sua reputazione all’interno della sua nicchia. Questo perché il furto dei dati che archiviati suggerisce che la questa azienda non sia affidabile e questo può scoraggiare i clienti esistenti e futuri dall’utilizzare nuovamente il suo marchio, portando a un calo significativo delle entrate.

Ad esempio, una violazione dei dati di un’azienda potrebbe portare alla divulgazione di informazioni sensibili dei clienti. Informazioni come indirizzi, coordinate bancarie ed e-mail possono mettere tutti i clienti a rischio di frode, spam e altre pratiche dannose, di cui non saranno contenti.

Inoltre, anche le informazioni sui dipendenti possono essere rubate, mettendo a rischio anche loro portando così malumore all’interno dell’organizzazione.

Un attacco informatico può causare tempi di inattività

Ci sono molte cose spiacevoli che un attacco informatico può fare all’azienda che le impediranno di svolgere i suoi compiti e operare. I file importanti possono essere eliminati, l’hardware può bloccarsi a causa di virus e l’accesso ai documenti può essere bloccato tramite un attacco ransomware.

Tutte queste potenziali minacce alla sicurezza possono portare a un lungo periodo di inattività durante il quale il problema viene risolto. Ciò significa che durante questo periodo di tempo, l’azienda non è in grado di lavorare o, in altre parole, non è in grado di generare un reddito, con conseguente enorme perdita